Per comprendere bene cosa sono i Fiori di Bach richiamo una frase di Ippocrate, un uomo che in fatto di salute la sapeva lunga: Dal cervello, e dal cervello solo, sorgono i piaceri, le gioie, le risate e le facezie, così come il dolore e il dispiacere.”

Ogni fiore individuato del dr. Edward Bach incide sullo stato emotivo e mentale della persona “portando ordine”, “accendendo una luce” che permette ad ognuno, se è disposto a farlo anche accettandone la fatica ed il dolore, di sistemare situazioni irrisolte, esprimere potenzialità, smussare angoli deleteri, scegliere nuove direzioni interiori od esteriori.

Stiamo parlando di rimedi che fanno questo e molto di più in modo molto rispettoso, solo se noi facciamo spazio perché la “guarigione” su qualsiasi piano avvenga. Essi non aggiungono o non tolgono nulla all’individuo, ma lo mettono nelle condizioni ottimali per “fare ciò che è utile fare” al fine di riconquistare la salute e una vita migliore.

Benefici di utilizzo 

Una delle domande che non manca mai ai corsi di Fiori di Bach a Milano o nelle altre sedi della Scuola di Naturopatia LUMEN dove insegno, è come agiscono i Fiori di Bach e quali benefici apportano.
Difficile catalogare i benefici in una categoria standard, perché il rimedio floreale, utilizzato in maniera olistica, è un rimedio che stimola le risorse personali. Esso non aggiunge o non toglie nulla alla persona, ma la “mette nelle condizioni migliori” per trovare un equilibrio e porre le basi per un reale cambio nelle dinamiche che minano la propria salute e la propria felicità.

Quando inforchiamo una bici, ricevere una spinta, in particolar modo se la strada è in salita e magari siamo affaticati, ci permette di tirare il fiato, di prendere le misure e trovare la posizione più comoda per proseguire, al contempo di guardare la strada che si snoda dinnanzi a noi e scegliere la direzione. Ecco, il Fiore è quella spinta che fa tanto bene ma che da sola non basterà a farci raggiungere il traguardo se non cominciamo a pedalare noi!

Classificazione dei Fiori di Bach

Edward Bach,medico batteriologo che esercitava a Londra ad inizio del secolo scorso e che successivamente si avvicinò all’omeopatia, trovò ispirazione peregrinando per i boschi del natio Galles. Proprio in quei luoghi, affidandosi alla propria sensibilità e all’intuizione, scovò uno ad uno i 38 rimedi. Chiamò i primi i 12 guaritori, in seguito li affiancò con i 7 aiutanti per poi completare con i 19 assistenti e teminare con il Rescue remedy per i casi di emergenza.

 I 38 rimedi floreali furono riuniti da Edward Bach in sette gruppi e ad ognuno di questi corrisponde un determinato modo di affrontare la vita e sono: 

  • la paura
  • l’incertezza
  • l’insufficiente interesse per il presente
  • la solitudine
  • l’ipersensibilità alle influenze e alle idee
  • lo scoraggiamento e la disperazione,
  • la preoccupazione eccessiva per il benessere degli altri.

Sono rimedi che permettono ad ognuno di conoscersi, di sondare luci ed ombre, di armonizzare potenzialità e carenze per trovare la migliore espressione di se stesso e per coltivare la salute in ogni gesto.

Come si svolge un test dei Fiori di Bach

Da Naturopata con esperienza più che ventennale, scelgo il rimedio più adatto attraverso il test kinesiologico, un tassello importante della prima analisi del Naturopata LUMEN. È uno strumento che permette di raccogliere informazioni sulla situazione dell’utente e su quale strada intraprendere per ottenere i risultati desiderati.

Nella pratica di tutti i giorni, durante un trattamento ricevo l’utente e lo accompagno nello studio, un ambiente che abbiamo reso caldo e accogliente.  La luce calda, la musica, un po’ di acqua sono tutti particolari che mettono a proprio agio ogni persona e dopo, essersi accomodata sul lettino, comincia il trattamento che non si ripete mai nello stesso modo proprio perché ognuno è diverso. Il colloquio, il test muscolare, la riflessologia: non esiste una formula standard perché ogni trattamento è come un abito tagliato su misura.

Attrezzatura del Floriterapeuta

Un vantaggio per il Floriterapeuta è che la semplicità del metodo che usa gli consente di operare in molti luoghi diversi, non necessitando di strumenti impegnativi.

Ecco cosa serve:

  • un set completo dei rimedi floreali, per scegliere il rimedio più adatto grazie al test muscolare;
  • le Carte dei Fiori di Bach (LUMEN Ed.), uno strumento indispensabile per conoscere e ricordarsi i fiori in modo agile e veloce; al contempo utilissime per spiegare il rimedio all’utente e agevolare la comprensione del suo campo di intervento;
  • un lettino da massaggio è consigliato perché favorisce il rilassamento del cliente, ma non obbligatorio; in alternativa un paio di sedie comode ed un piccolo tavolo;
  • un ambiente tranquillo e accogliente in cui facilmente ci si possa sentire a proprio agio: una musica in sottofondo, un buon profumo, la luce soffusa sono piccole accortezze che favoriscono il rilassamento e il contatto;
  • il desiderio di entrare in contatto profondo con l’altro, al di là dei propri limiti.

Test dei Fiori di Bach in un’analisi comparata

Da Naturopata uso varie tecniche per portare riequilibrio nella persona con cui sto lavorando, in particolar modo:

È interessante verificare come strumenti differenti si completino vicendevolmente, favorendo la visione d’insieme. Come se non bastasse, ho la fortuna di lavorare in team con altri professionisti di LUMEN: dalle svariate tecniche di massaggio all’iridologia, dal cromo test alla kinesiologia, ogni volta ho la conferma che l’uomo è un sistema di parti profondamente interdipendenti e che, per arrivare alla meta, tante sono le vie che si possono percorrere.

Casi clinici

Ogni percorso naturopatico è un viaggio appassionante; oggi vi racconto un’esperienza recente che, ancora una volta, mi ha confermato come i fiori di Bach funzionano.

Una giovane ragazza aveva espresso il desiderio di rimettersi in forma e imparare uno stile di vita sano. Sono partita quindi insegnandole i capisaldi di una vita sana dal punto di vista della Naturopatia Olistica e dopo qualche trattamento le ho consigliato i fiori di Bach.

dimagrire con i fiori di bach

Per lei un rimedio chiave è stato Agrimony: esso sostiene nell’espressione della propria profondità, dei propri dolori e dei propri lati d’ombra, al di là dell’apparente gioia e tranquillità che si manifesta esteriormente per la paura di non essere accettati o amati. Incredibile come quella splendida ragazza, disponibile a mettersi in gioco a tutto tondo, ha iniziato a migliorare non solo nell’aspetto (perdendo numerosi chili) e nella salute fisica (mal di testa e dolori mestruali sono diventati un ricordo!); ma anche nelle relazioni con la famiglia e gli amici sciogliendo vecchi nodi che avevano favorito l’instaurarsi di disagi successivi, imparando ad esprimere i suoi bisogni senza paura di essere rifiutata.

Anche una giovane donna che ha seguito un ciclo di trattamenti in LUMEN negli ultimi mesi ha tratto molti benefici dall’utilizzo dei rimedi floreali, anche in ambiti che non aveva previsto di toccare. Il motivo per cui si era rivolta a noi era il desiderio di migliorare lo stato della pelle del viso, spesso arrossata, con brufoli e altri segni fastidiosi.

Come sempre l’analisi naturopatica approccia l’individuo nella sua interezza, quindi siamo partite impostando una sana routine quotidiana e poi abbiamo iniziato il lavoro sulla parte psico-emotiva. I fiori utili in quel momento erano Cerato, Crab Apple e Walnut; tre rimedi che hanno messo in luce l’importanza di ascoltarsi profondamente, di accettarsi e di avere la forza di proseguire nel proprio cammino per attuare il cambiamento. Non posso entrare nei dettagli, ma da “un’esigenza apparentemente piccola” (la pelle infiammata), la giovane donna ha affrontato problemi del suo passato che non aveva risolto, ha creato più vicinanza con alcune persone care e, ascoltandosi profondamente, ha compreso cosa desiderava dalla sua vita (trovando un obiettivo,si riesce a direzionare le energie per raggiungerlo). La pelle era perfetta dopo qualche incontro e la nebbia si stava alzando dal suo orizzonte: con impegno e grazie agli strumenti giusti era riuscita a migliorare la “salute della sua vita”.

Apprendi la tecnica

La formazione della Scuola di Naturopatia LUMEN è fondamentale per apprendere una metodologia di lavoro secondo i dettami della visione olistica.

Immagini scattate durante il corso di Fiori di Bach a Padova, Milano e a Piacenza

Il corso di Fiori di Bach secondo i metodo diffuso dal dott. E. Bach è strutturato in modo da fornire in modo approfondito le competenze teorico-pratiche necessarie per consigliare i rimedi floreali più adatti e per predisporre un percorso rieducativo individualizzato. Il corso di Fiori di Bach, organizzato in tre weekend, è adatto sia per chi vuole intraprendere un percorso professionale nel campo delle discipline olistiche, sia per chi vuole apprendere questa tecnica per approfondire le proprie conoscenze personali. È un corso teorico-pratico indispensabile per conoscere bene questa tecnica favolosa e saperla utilizzare a livello professionale o amatoriale, perché in entrambi i casi ottenere risultati è importante.

Nel corso, sapiente fusione di teoria e pratica, insegno non solo le caratteristiche di ogni singolo rimedio, il retroterra culturale in cui è nato il metodo, come scegliere i Fiori di Bach per le persone con cui entriamo in contatto, ma anche:

  • come si preparano i Fiori di Bach
  • quali sono i Fiori di Bach e le loro peculiarità nello squilibrio e in armonia
  • dove comprare i Fiori di Bach

Per quanto riguarda la pratica in classe svolgeremo molti esercizi pratici per imparare il test muscolare e per vivere in prima persona le caratteristiche salienti dei diversi gruppi di fiori.

Le aule di tutte le nostre sedi sono adeguatamente attrezzate per rendere il tempo dell’apprendimento proficuo e piacevole al contempo. Il materiale didattico fornito è appropriato per favorire lo studio e l’apprendimento degli argomenti trattati.

Il corso di FIORI DI BACH è parte del programma formativo quadriennale per diventare Naturopata. Come per ogni corso monografico vengono riconosciute, nell’ambito del piano di studi individuale, le ore di formazione, nel caso di una successiva iscrizione alla Scuola di Naturopatia.

corso di fiori di bach per naturopati

Elena Soldi
Elena Soldi

Laureatasi in Giurisprudenza presso l’Università di Pavia, si è formata nel campo della Medicina Naturale, divenendo Naturopata e Floriterapeuta, per poi specializzarsi nell’ambito dell’Alimentazione Naturale. Da anni si impegna nella diffusione della Medicina Naturale attraverso conferenze e corsi tenuti presso varie scuole di formazione, amministrazioni pubbliche e istituzioni. Dal 2010 collabora all’organizzazione, per la sede di Piacenza, del Progetto DIANA 5 condotto dal Prof. Franco Berrino.

Leave a Reply

Your email address will not be published.